img

TRAPANI SEA SALT

Promozione del sale marino artigianale delle saline della provincia di trapani

Il progetto aveva l’obiettivo di mettere a punto un metodologia per la identificazione del sale marino di trapani attraverso la caratterizzazione delle popolazioni di batteri alofili presenti nelle gocce di salamoia intrappolate nei cristalli di sale. Il sale marino di Trapani è un prodotto di qualità con una connotazione fortemente territoriale. Primarie industrie di conservazione di alimenti (ittici e non solo) utilizzano il sale marino di Trapani per le loro produzioni di eccellenza. A conferma di queste caratteristiche di eccellenza, recentemente, l’Unione Europea ha inserito il sale marino prodotto nelle saline di Trapani, Paceco e Marsala, nell’elenco dei prodotti con Indicazione di Origine Protetta. Il Sale di Trapani è il primo prodotto di origine non organica a fregiarsi di questo importante riconoscimento a livello mondiale. La caratterizzazione della biodiversità microbica alofila, che rappresenta una delle caratteristiche nutrizionali peculiari di questo prodotto, può essere usata come strumento di identificazione e di tracciabilità per certificare l’origine geografica del sale marino, così da consentire al consumatore la garanzia di rintracciare l’origine geografica dalla confezione di sale sullo scaffale, fino alla salina di origine Obiettivo dell’intervento è quello di promuovere il consumo del sale marino artigianale di Trapani e degli altri prodotti della salina.

Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare

Docente di riferimento: Andrea Santulli

andrea.santulli@unipa.ti

+39 0923560162