img

PARTERRE

Strumenti di partecipazione elettronica per la pianificazione fisica e lo sviluppo territoriale

Tra gli insegnamenti tratti dalle azioni preparatorie di eParticipation, uno, particolarmente rilevante, si riferisce alla sostenibilità a lungo termine dei percorsi intrapresi: è più probabile che si verifichi l'adozione permanente di strumenti elettronici per la partecipazione civica da parte delle organizzazioni del settore pubblico quando vi è un modello di business convincente che mostra risparmi finanziari o almeno vantaggi organizzativi e politici in modo chiaro. Una condizione necessaria per questo modello di business è che la partecipazione (offline) deve essere formalmente integrata nel quadro giuridico o regolamentare cui appartiene una data organizzazione. Questo è il caso di valutazione ambientale (a livello strategico) e la pianificazione territoriale (a livello operativo), in un quadro fornito a livello UE prima attraverso lo SSSE e ora con l'Agenda territoriale. Esistono Direttive comunitarie e/o normative nazionali per istituire la partecipazione come un requisito obbligatorio per una grande quantità di processi politici e di procedure amministrative - che coinvolgono prevalentemente Comuni e Regioni in Europa. Tenendo presente questa lezione, il consorzio PARTERRE intende validare la prospettiva di mercato di un servizio paneuropeo sulla base di due strumenti elettronici che sono stati sperimentati con successo in precedenti azioni preparatorie: il Town Meeting elettronico per il coinvolgimento dei cittadini nell'impostazione di programmi e l'applicazione DEMOS- PLAN per la consultazione online degli stakeholder nella pianificazione territoriale. Sei progetti piloti in cinque paesi dell'UE hanno implementato questi strumenti per migliorare la partecipazione diretta dei cittadini, delle parti interessate e della società civile nei processi decisionali in materia di pianificazione del territorio e valutazione ambientale, sia a livello locale che regionale, laddove vengono prese decisioni specifiche e applicati al livello nazionale e comunitario, dove vengono definiti i quadri strategici di sviluppo territoriale in Europa. L'obiettivo aziendale è quello di fornire una soluzione completa 'chiavi in mano' (valutato sia tecnologicamente che metodologicamente) alle autorità pubbliche europee.

Dipartimento di Architettura (D'Arch)

Docente di riferimento: Ferdinando Trapani

Naviga il sito del progetto