img

BOOKALIVE

BookAlive

Preservare e rendere accessibili i contenuti di una biblioteca o di un archivio storico è ad oggi considerata una priorità ed un elemento strategico per la disseminazione della cultura ed il superamento del digital divide. Quanti turisti visitano le Biblioteche o gli archivi Storici? Non si è molto lontani dal vero nel dire pochissimi. Eppure le Biblioteche e gli Archivi posseggono veri gioielli della storia di un popolo. La ragione principale è che i libri non si possono visitare: sono delicati, preziosi, unici. Non è possibile, nella maggior parte dei casi, toccarli, sfogliarli, guardarli. BookAlive ha l’obiettivo di proporre un approccio d’innovazione tecnologica di tale portata da ribaltare questa realtà, integrando un workflow per la digitalizzazione e la conservazione dei libri storici, identificando e adottando i migliori standard di riferimento per la fruizione immersiva e multimediale dei contenuti documentali e le best practices per la redazione digitale di oggetti editoriali in formato digitale, in modo da poterne fruire su dispositivi di ultima generazione. Oltre al Sistema Bibliotecario di Ateneo dell’Università di Palermo hanno offerto la disponibilità del proprio patrimonio librario la Biblioteca centrale della Regione Siciliana “Alberto Bombace”, la Biblioteca del Senato della Repubblica Italiana “Giovanni Spadolini”, e il Centro Studi filologici e linguistici siciliani. BookAlive è un progetto proposto da InformAmuse S.r.l., spin-off accademico dell’Università di Palermo, e dall’Università di Palermo, Dipartimento di Ingegneria Chimica Gestionale Informatica Meccanica, Cultura e Società, Studi Giuridici della società e dello sport, Scienze Umanistiche. Al progetto hanno espresso interesse: il Sistema Bibliotecario di Ateneo dell’Università di Roma Tre; il Departamento Técnico Administrativon - Instituto de Ciencias, Universidad Nacional de General Sarmiento, Buenos Aires, Argentina; il Centre d'étude des normes juridiques “Ian Thomas" della Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales, Parigi, Francia; la Faculdad de Derecho, Universidad del Paìs Vasco, San Sebastian, Spagna; la Associazione Culturale Reti Medievali; la Associazione Mediterranea Ricerche storiche.

Dip. Ingegneria Chimica Gestionale Informatica Meccanica; Dip. Cultura e Società; Dip. Studi Giuridici della società e dello sport; Dip. Scienze Umanistiche

Docente di riferimento: Antonio Gentile

antonio.gentile@unipa.it

Naviga il sito del progetto