L'ATENEO
unipa_top

L'Università degli Studi di Palermo (UNIPA), istituita nel 1806 da Ferdinando III di Borbone, è oggi la più grande realtà universitaria siciliana e tra le più grandi d'Italia.
Palermo, antica capitale della Sicilia, famosa per il suo mare, ricca di preziosi tesori artistici monumentali e dal clima mite, favorisce un'intensa vita culturale e artistica. Ponte naturale tra l'Europa e i paesi del Mediterraneo, ore stimoli e opportunità di crescita per i giovani.

OFFERTA FORMATIVA
unipa_bottom

1.800 docenti
124 corsi di laurea
Possibilità di iscrizione per i laureati a corsi singoli per l'aggiornamento professionale e il recupero dei debiti formativi
iscrizione a crediti
Agevolazioni per studenti disabili

Scuola di Medicina e Chirurgia
Scuola Politecnica
Scuola delle Scienze di Base e Applicate
Scuola delle Scienze Giuridiche ed Economico-Sociali
Scuola delle Scienze Umane e del Patrimonio Culturale
CONTATTI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
www.unipa.it
Rettorato
Steri - Piazza Marina, 61 - 90133 Palermo
Call center: (+39) 091/238 93555

Ufficio Relazioni con il Pubblico
Hotel de France - Piazza Marina, 61 - 90133 Palermo
Telefono: (+39) 091 238 93666 Fax: (+39) 091 238 60771
info@unipa.it

Centro Orientamento e Tutorato
Viale delle Scienze - Edificio 2 - 90128 Palermo
centralino: (+39) 091 23865500
www.orientamento.unipa.it - orientamento@unipa.it

Studenti stranieri
pagina web: http://portale.unipa.it/internationalstudents
Welcome oce: Piazza Marina, 61 - 90133 Palermo
internationalstudents@unipa.it

Scuola delle Scienze Giuridiche ed Economico-Sociali
img_scuola1

La Scuola delle Scienze Giuridiche ed Economico-Sociali è composta dal Dipartimento di Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport, dal Dipartimento di Scienze Economico Aziendali e Statistiche, dal Dipartimento di Studi Europei Integrazioni Internazionali, Diritti, Economia, Management, Storia, Lingue e Culture (DEMS), dal Dipartimento di Scienze Psicologiche, Pedagogiche e della Formazione e dal Dipartimento di Culture e Società.
Ad essa afferiscono nove corsi di studio: in Scienze delle Attività Motorie e Sportive; in Management dello Sport e delle Attività Motorie; in Scienze e Tecniche delle Attività Sportive; in Giurisprudenza; in Scienze dell’Amministrazione, dell’Organizzazione e Consulenza del Lavoro; in Scienze delle Amministrazioni e Organizzazioni Complesse; in Sviluppo Sostenibile delle Organizzazioni Pubbliche e Private; in Scienze del Turismo ed il corso in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale. Alla Scuola afferisce, inoltre, la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali “G. Scaduto”.
La sua sede istituzionale è in Via Maqueda, al civico 172, nei locali della ex Facoltà di Giurisprudenza.

Il Presidente della Scuola
Giuseppe Liotta

Ambiti disciplinari

Amministrazione
L’ambito disciplinare Amministrazione propone un corso di studio triennale in Scienze dell’Amministrazione, Organizzazione e consulenza del lavoro e due Corsi di Studio Magistrali: Scienze delle Amministrazioni e delle Organizzazioni Complesse e Sviluppo Sostenibile delle Organizzazioni Pubbliche e Private (corso interateneo). Il corso triennale si propone di far acquisire conoscenze di base, di metodo e di contenuto culturale, scientifico e professionale per la formazione giuridica, economica, politico-istituzionale e organizzativo-gestionale, nel campo delle Amministrazioni Pubbliche e in quello della Business Administration, nonché della Consulenza del Lavoro.
I corsi magistrali si propongono di fare acquisire conoscenze di livello avanzato e competenze metodologiche multidisciplinari nelle discipline politico-sociali istituzionali, economiche, giuridiche, gestionali idonee a formare figure professionali di elevata capacità progettuale, organizzativa e di sviluppo delle attività qualificate dei servizi pubblici e privati, competenze specialistiche in settori di rilievo della amministrazione e a fornire un approfondimento critico, comparatistico e pratico delle tematiche inerenti all’amministrazione in ambito pubblico e privato.

Cooperazione Internazionale e Turismo
L’ambito disciplinare Cooperazione Internazionale e Turismo propone due corsi di natura prevalentemente economica. Il corso in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale fornisce gli strumenti necessari per la comprensione dei problemi inerenti alla crescita economica e allo sviluppo sostenibile, di lotta alla povertà e di modernizzazione e cambiamento dei sistemi socio-economici. Le competenze fondamentali del corso riguardano sia la sfera economica e della cooperazione, sia la dimensione sociologica e dei processi di cambiamento politici.
Il corso in Scienze del Turismo mira a formare figure con elevate competenze e adeguati strumenti per operare in campo turistico, capaci di progettare e attuare politiche volte alla qualificazione dell'offerta turistica, con particolare riferimento alla valorizzazione dei beni culturali e ambientali oltre che di operare in un’ottica manageriale all'interno di aziende e istituzioni.

Sport e Management delle Attività Motorie
L’ambito disciplinare Sport e Management delle Attività Motorie propone un corso di studio triennale in Scienze delle Attività Motorie e Sportive e due corsi di studio Magistrali in Scienze e Tecniche delle Attività Sportive e in Management dello Sport e delle Attività Motorie. Il corso triennale ha l'obiettivo di fare acquisire agli studenti una solida preparazione nel campo delle attività motorie e sportive.
Il corso magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Sportive ha l’obiettivo di fornire competenze sia sulla teoria e la metodologia dell'allenamento e sui metodi di valutazione motoria e attitudinale nello sport che sulla teoria, la tecnica e la didattica di varie specialità sportive. Il corso magistrale in Management dello Sport e delle Attività Motorie ha l’obiettivo di fornire conoscenze specifiche nell'ambito degli assetti giuridico ed economico entro i quali si colloca il sistema delle attività motorie e sportive.

Studi giuridici
L’ambito disciplinare Studi Giuridici propone il Corso di laurea Magistrale in Giurisprudenza, che si articola nelle tre sedi di Palermo, Agrigento e Trapani. Il corso forma giuristi in grado di accedere alle tradizionali professioni legali (magistratura, notariato, avvocatura) ovvero alle carriere nelle istituzioni pubbliche, nonché di giurista di impresa e di esperto in mercati finanziari. Gli studenti devono sostenere una prova di ammissione, consistente in un questionario a risposta multipla nelle aree dei saperi: Logica e concetti filosofici fondamentali, Macroconcetti giuridici ed economici, Storia antica medievale, moderna e contemporanea.
Il percorso di studi è caratterizzato da discipline privatistiche, penalistiche, pubblicistiche, processualistiche e storico-filosofiche. Il corso di studio conta accordi di mobilità Erasmus con oltre 25 sedi universitarie ed ulteriori programmi di mobilità con la Repubblica Popolare Cinese ed il Brasile.

Sbocchi occupazionali

Lauree triennali
I laureati della Scuola delle Scienze Giuridiche ed Economico-Sociali possono ricoprire il ruolo di consulente del lavoro, esperto di problemi del lavoro/attività sindacali, dirigente nelle amministrazioni pubbliche, aziende, imprese, organizzazioni non governative e del terzo settore, agente di sviluppo ed esperto di cooperazione. Possono svolgere professioni nella gestione e nell’organizzazione di strutture dell’accoglienza, dell’ospitalità e presso tour operator, agenzie di viaggio, agenzie di congressi e di marketing. Possono svolgere professioni nel campo dell'educazione motoria-sportiva in strutture pubbliche e private.

Lauree magistrali
I laureati magistrali della Scuola delle Scienze Giuridiche ed Economico-Sociali possono svolgere professioni legali (magistratura, notariato, avvocatura), ricoprire il ruolo di funzionari e dirigenti nelle amministrazioni di organismi nazionali, comunitari, internazionali, di enti pubblici territoriali e di associazioni, istituzioni, fondazioni private a carattere pubblico. Possono operare nell’ambito del management, della contrattualistica e della giustizia sportiva, progettare/coordinare/svolgere attività tecnico-sportive agonistiche e non agonistiche.

Offerta formativa

Laurea (durata triennale)
L-15 – Scienze del Turismo
L-16 – Scienze dell’Amministrazione, dell’Organizzazione e Consulenza del Lavoro
L-22 – Scienze delle Attività Motorie e Sportive
L-37 – Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale

Laurea Magistrale Ciclo Unico (durata quinquennale)
LMG/01 – Giurisprudenza (PA-TP-AG)

Laurea Magistrale (durata biennale)
LM - 47 – Management dello Sport e delle Attività Motorie
LM - 63 – Scienze delle Amministrazioni e delle Organizzazioni Complesse
LM - 63 – Sviluppo Sostenibile delle Organizzazione Pubbliche e Private
LM-67 e LM-68 - Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate e delle Attività Sportive

Scuola Politecnica
img_scuola2

La Scuola Politecnica dell’Università di Palermo propone un nuovo modello formativo che mira ad integrare, in un moderno approccio multidisciplinare, i saperi tradizionali delle ex Facoltà di Agraria, Architettura, Economia ed Ingegneria mettendo a sistema risorse e competenze.
La Scuola Politecnica presenta un’offerta formativa ampia e variegata, forte di 37 corsi di studio tra triennali, magistrali e magistrali a ciclo unico, in grado di competere con le più prestigiose Università nazionali ed internazionali.

Il Presidente della Scuola
Maurizio Carta

Ambiti disciplinari

Agroalimentare
Il mondo delle Scienze Agrarie è il “settore primario”, quello da cui tutto deriva e da cui dipendono la salute del pianeta e l’alimentazione di ognuno di noi. L’agronomo che formiamo nelle nostre Lauree Magistrali ha una forte preparazione interdisciplinare e si dedica alla gestione dei sistemi colturali, alla qualità e al marketing dei prodotti alimentari, ma anche alla gestione di parchi e giardini e del paesaggio rurale, con un giusto equilibrio tra teoria ed esperienza pratica, a garanzia del sistema produttivo e del consumatore.

Architettura
La più umanistica tra le discipline scientifiche ma anche la più scientifica tra le umanistiche: l’Architettura è la scienza in cui la matematica si traduce in musica, la struttura in poesia, la materia in arte. Gli studi in architettura attualizzano la triade vitruviana della firmitas, utilitas e venustas nel linguaggio contemporaneo: le innovazioni tecnologiche rinnovano il linguaggio strutturale; nuove domande di una società in trasformazione richiedono ambienti più flessibili; l’estetica della funzionalità è ricercata come componente intrinseca della qualità della vita. Una quarta componente è oggi la verifica della sostenibilità ecologica e ambientale del progetto, dalla dimensione della progettazione architettonica, della tecnologia e del restauro fino al design del prodotto e della comunicazione visiva, dalla complessità della città fino alla macroscala del paesaggio. Gli studi in Architettura, Ingegneria Edile-Architettura, Pianificazione e Design condividono la dimensione progettuale come denominatore comune.

Economia, Economia Aziendale, Statistica
Le discipline dell’Economia si occupano dello studio dei sistemi economici, del ruolo e delle caratteristiche di tutti i soggetti che li compongono, ma anche delle interdipendenze tra essi. La Scuola Politecnica, attraverso il Dipartimento in Scienze Economiche
Aziendali e Statistiche, presenta un’interessante offerta formativa agli studenti che vorranno intraprendere questo percorso di studio. Cos’è la domanda di mercato? Che cos’è l’offerta? Come funziona l’interazione tra queste due? Come scelgono i consumatori? Cos’è un’impresa e quali sono le strategie impiegate per il suo successo? Come si misurano le sue performance? Come si misurano i fenomeni sociali e quelli economici? Come si fanno le indagini statistiche e come si analizzano i dati sperimentali e sociali? Queste sono alcune domande alle quali il laureato dell’area economica sarà in grado di rispondere.

Ingegneria
La parola Ingegneria deriva dal latino ingenium, la stessa radice della parola moderna ingegno.
Oggi, l’ingegnere applica i risultati della matematica, della fisica, della chimica e, in generale, il metodo scientifico alla risoluzione di problemi in molteplici campi di applicazione e sulla base della sua specializzazione. L’ingegnere non solo progetta sistemi complessi e di diversa natura (per esempio mega strutture, sistemi meccanici all’avanguardia, nuovi apparati elettronici, software, impianti industriali, etc.) ma ne dirige anche la realizzazione e il funzionamento.
La Scuola Politecnica, attraverso i suoi dipartimenti di Ingegneria, offre un’ampia gamma di corsi di laurea nelle tre macro-classi dell’Ingegneria Civile e Ambientale, Industriale e dell’Informazione, per tutti i campi d’applicazione di cui deve occuparsi l’ingegnere.

Sbocchi occupazionali

Lauree triennali
I laureati della Scuola Politecnica possono condurre attività di analisi, ricerca e collaborazione ad attività di progettazione per pubbliche amministrazioni, aziende e imprese pubbliche e private, o proseguire gli studi per il conseguimento di Lauree Magistrali, Master di I livello, Corsi di perfezionamento. Previo esame di abilitazione, possono iscriversi alle sezioni B degli Albi professionali (ove esistenti).

Lauree magistrali
I laureati magistrali della Scuola Politecnica possono operare come liberi professionisti (agronomi, architetti, designer, restauratori, pianificatori, urbanisti, paesaggisti, ingegneri, economisti, statistici) e/o consulenti nei rispettivi settori; possono intraprendere carriere manageriali presso enti territoriali, pubbliche amministrazioni, aziende e imprese pubblico/private; possono contribuire alla creazione d’impresa, nel campo della produzione, gestione e certificazione di qualità; possono condurre attività di ricerca scientifica presso Università e centri di ricerca. Possono proseguire gli studi con Master di II livello, Corsi di specializzazione o Dottorati di Ricerca. Previo esame di abilitazione, possono iscriversi alle sezioni A degli Albi professionali (ove esistenti).

offerta formativa

Laurea (durata triennale)
L-4 Disegno industriale
L-7 Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio
L-7- L-23 Ingegneria Civile ed Edile
L-8 Ingegneria Cibernetica
L-8 Ingegneria Elettronica
L-8 Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni
L-8 Ingegneria Gestionale e Informatica
L-9 Ingegneria Gestionale
L-9 Ingegneria Chimica
L-9 Ingegneria Elettrica (CL)
L-9 Ingegneria dell'Energia
L-9 Ingegneria Meccanica
L-18 Economia e Amministrazione Aziendale
L-21 Scienze della Pianificazione Territoriale, Urbanistica, Paesaggistica e Ambientale
L-33 Economia e Finanza
L-41 Statistica per l'Analisi dei Dati

Laurea Magistrale Ciclo Unico (durata quinquennale)
LM-4 Architettura (PA -AG)
LM-4 Ingegneria Edile-Architettura

Laurea Magistrale (durata biennale)
LM-20 Ingegneria Aerospaziale
LM-22 Ingegneria Chimica
LM-23 Ingegneria Civile
LM-24 Ingegneria dei Sistemi Edilizi
LM-27 Ingegneria delle Telecomunicazioni
LM-28 Ingegneria Elettrica
LM-29 Ingegneria Elettronica
LM-30 Ingegneria Energetica e Nucleare
LM-31 Ingegneria Gestionale
LM-32 Ingegneria Informatica
LM-33 Ingegneria Meccanica
LM-35 Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio
LM-48 Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Ambientale
LM-53 Ingegneria dei Materiali
LM-56 Scienze Economiche e Finanziarie
LM-69 Scienze delle Produzioni e delle Tecnologie Agrarie
LM-69 Imprenditorialità e Qualità per il Sistema Agroalimentare
LM-77 Scienze Economico-Aziendali
LM-82 Scienze Statistiche

Scuola di Medicina e Chirurgia
img_scuola3

La Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università di Palermo è la sede della formazione in campo sanitario ed è il riferimento per i rapporti clinico-assistenziali con il SSN.
È costituita da cinque Dipartimenti, all’interno dei quali operano i docenti, il personale tecnico amministrativo e di supporto, gli specializzandi, i dottorandi di ricerca, gli assegnisti di ricerca e gli studenti in formazione.
Accanto ai tradizionali Corsi di Laurea Magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia e in Odontoiatria e Protesi dentaria, sono attivi 3 Corsi di Laurea Magistrale, 10 Corsi di Laurea per professioni sanitarie che rispondono alle esigenze sanitarie territoriali e 42 Scuole di Specializzazione che consentono ai laureati in medicina di raggiungere un successivo traguardo professionale.
L’attività di ricerca svolta presso i Dipartimenti affronta i principali temi di ricerca scientifica di base, traslazionale e clinica sviluppati nel settore biomolecolare, oncologico, ematologico, immunologico, cardiovascolare, endocrino-metabolico, neurobiologico, chirurgico e di sanità pubblica.
L’attività clinica assistenziale risiede principalmente nell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico “Paolo Giaccone”, in cui insistono le strutture complesse, dirette da docenti della Scuola, necessarie alla formazione.
A queste strutture complesse se ne aggiungono altre presenti in Aziende Ospedaliere facenti parte della rete formativa-assistenziale della Scuola; tutti gli studenti pertanto possono frequentare le strutture ospedaliere e svolgere le attività di tirocinio professionalizzante previste nei piani di studio.

Il Presidente della Scuola
Francesco Vitale

Ambiti disclipinari

Clinica
La medicina ha l’obiettivo di formare medici, odontoiatri e altre figure professionali in campo sanitario, che abbiano una cultura scientifica di tipo biomedico, una umanistica e una visione multidisciplinare centrata sull’ammalato. La malattia è vista come il risultato di fattori organici, psicologici, sociali, familiari e stili di vita. Per raggiungere l’obiettivo della formazione di figure sanitarie, partendo dal sapere (discipline di base), attraverso il saper fare (frequenza di corsie e ambulatori), si giunge al saper essere. Tale percorso trova la realizzazione nella formazione del laureato magistrale in Medicina e Chirurgia, e nei laureati in Odontoiatria e nelle Professioni Sanitarie (Infermieristica, Ostetricia, Fisioterapia, Logopedia, Ortottica, Tecniche della Riabilitazione Psichiatrica). La preparazione clinica è fondamentale per il laureato in Medicina e Chirurgia che intenda svolgere l’attività di medico di medicina generale, proseguire gli studi nelle Scuole di Specializzazione di area clinica, fare ricerca clinica.

Chirurgia
Nella cura del paziente un aspetto fondamentale è la chirurgia, disciplina in molti casi risolutiva per la guarigione, che si avvale di conoscenze e tecnologie in continua evoluzione, finalizzate alla realizzazione d’interventi chirurgici sempre più complessi e conservativi. Il chirurgo è un laureato in Medicina o in Odontoiatria, dotato di straordinaria abilità manuale, di capacità decisionale, specie se chiamato a svolgere interventi in emergenza, ma anche di profonda umanità e capacità di dialogo col malato.
La scelta di diventare chirurgo matura durante il percorso per la laurea magistrale in Medicina e Chirurgia e in Odontoiatria: gli insegnamenti di chirurgia, infatti, sono previsti al V e al VI anno. La laurea magistrale in Medicina e Chirurgia consente di proseguire gli studi nelle Scuole di Specializzazione di area chirurgica, fare ricerca applicata alla chirurgia.

Diagnostica
Una tappa fondamentale nella cura della malattia è il momento della diagnosi: la tecnologia al servizio della medicina. La completa automazione delle attrezzature permette di eseguire in tempo reale esami di laboratorio i cui risultati aiutano il medico a verificare lo stato di salute/malattia del paziente e lo orientano nelle scelte diagnostiche. Gli studenti del corso di laurea in Tecniche di laboratorio biomedico svolgono le attività di tirocinio nei laboratori della Scuola. Analogamente la radiologia utilizza apparecchiature complesse e raffinate che si avvalgono di radiazioni ionizzanti, ultrasuoni, campi magnetici. Gli studenti del corso di laurea in Tecniche radiologiche frequentano il servizio di Radiologia della Scuola di Medicina. I numerosi laboratori di ricerca permettono di acquisire nuove conoscenze sui meccanismi fisiopatologici che portano alla malattia e sono frequentati da studenti in Medicina e studenti in Biotecnologie mediche e medicina molecolare affascinati dalla ricerca scientifica di base. La laurea magistrale in Medicina consente l’accesso alle Scuole di Specializzazione dell’area dei servizi.

Prevenzione
Educare alla salute significa coinvolgere tutti in un percorso che mira alla riduzione del numero di malati e al miglioramento della qualità di vita. La sfida di oggi è rivolta alla promozione della salute in gruppi di popolazioni più fragili (bambini, anziani, immigrati etc.) e alla prevenzione di patologie più gravi, spesso inguaribili. Gli interventi di prevenzione possono essere rivolti all’ambiente (tutela delle acque, dell’aria, del suolo, degli alimenti, controllo delle attività produttive e sicurezza dei luoghi di lavoro), o alle persone (scuole, famiglie, lavoratori, comunità). Le lauree in Tecniche della Prevenzione nell’Ambiente e nei Luoghi di Lavoro e in Assistenza sanitaria formano i professionisti responsabili di tali attività. Il laureato in Medicina e Chirurgia può accedere alle Scuole di Specializzazione dell’area dei servizi di Sanità Pubblica o fare ricerca di tipo epidemiologico-preventivo.

Sbocchi occupazionali

Lauree
I laureati nelle Professioni Sanitarie possono trovare occupazione come dipendenti in strutture sanitarie ospedaliere e territoriali, pubbliche e private.
Con la laurea si ottiene l’abilitazione che consente loro di svolgere attività libero-professionale in studi professionali individuali o associati. Dopo la laurea possono accedere alla laurea magistrale della propria classe.

Lauree magistrali
I laureati magistrali a ciclo unico possono operare come liberi professionisti (medici, odontoiatri) e in convenzione con il SSN. Possono altresì svolgere attività dirigenziale nelle strutture ospedaliere e territoriali pubbliche o private.
La laurea magistrale in Medicina e Chirurgia è il requisito per l'accesso alle Scuole di Specializzazione. I laureati magistrali nelle professioni sanitarie possono ricoprire, previo concorso, il ruolo di coordinatore in Strutture sanitarie pubbliche; i laureati in Biotecnologie mediche e medicina molecolare possono svolgere la loro attività in centri di ricerca, nell’industria farmaceutica, diagnostica e biotecnologica. Possono fare attività didattica per la classe A060.

Offerta formativa

Laurea abilitante (durata triennale)
L/SNT1 (assistenza)
- Infermieristica
- Ostetricia
L/SNT2 (riabilitazione)
- Fisioterapia
- Logopedia
- Ortottica
- Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica
L/SNT3 (tecnica)
- Tecniche di Laboratorio Biomedico
- Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia
L/SNT4 (prevenzione)
- Assistenza Sanitaria
- Tecniche della Prevenzione nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro

Laurea Magistrale Ciclo Unico (durata sei anni)
LM-41 – Medicina e Chirurgia ( 2 corsi a Palermo, 1 a Caltanissetta)
LM-46 – Odontoiatria e Protesi Dentaria

Laurea Magistrale (durata biennale)
LM-9 – Biotecnologie Mediche e Medicina Molecolare
LM-SNT/1 – Scienze Infermieristiche e Ostetriche
LM-SNT/2 – Scienze riabilitative delle professioni sanitarie

SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE
img_scuola4

La Scuola succede alle Facoltà di Lettere e Filosofia e di Scienze della Formazione, da cui si distingue per ruolo, funzioni e organizzazione. In linea con il nuovo modello di Università, è impegnata a supportare corsi di studio in grado di coniugare i valori della grande tradizione umanistica della nostra Università con le esigenze del mercato del lavoro internazionale, adottando forme innovative di didattica. In sinergia con i Dipartimenti di Culture e Società, Scienze Umanistiche, Scienze Psicologiche, Pedagogiche e della Formazione e Studi Europei Integrazioni Internazionali, Diritti, Economia, Management, Storia, Lingue e Culture (DEMS), la Scuola si apre con fiducia a intercettare e amplificare il desiderio di cultura operosa e solidale in cui i giovani ripongono il loro desiderio di essere cittadini del mondo.

Il Presidente della Scuola
Girolamo Cusimano

Ambiti disclipinari

Beni Culturali
L’ambito dei Beni Culturali intende assicurare una formazione di base completa nelle aree disciplinari relative ai beni culturali, con particolare attenzione al patrimonio archeologico e a quello archivistico e librario. I corsi di studio affiancano all'ambito umanistico un approccio tecnico che permette di acquisire la conoscenza dei principali metodi di recupero, conservazione e restauro, nonché di analisi e classificazione, anche con strumenti informatici.
I laureati in Beni culturali potranno svolgere attività presso soprintendenze, musei, biblioteche, enti territoriali, organi di ricerca, istituzioni culturali nei settori della tutela, della conservazione, della fruizione e della gestione dei beni culturali archeologici, archivistici e librari, nonché presso aziende professionali operanti nei settori di riferimento.
I laureati possono accedere all'insegnamento nella scuola, una volta completato il processo di abilitazione all'insegnamento e superati i concorsi previsti.

Comunicazione
I laureati in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni sono portatori di competenze di base e abilità specifiche nei diversi settori della comunicazione, in grado di svolgere attività nei media, nella pubblica amministrazione e nell’industria culturale. La laurea in “Scienze della Comunicazione per le Culture e le Arti” prepara ad agire negli ambiti della comunicazione verbale e visuale, nel campo della comunicazione internazionale e dell’industria culturale. La laurea in “Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità” mira alla formazione di profili professionali con elevate competenze teorico-metodologiche utili a realizzare prodotti comunicativi di buon livello per aziende, istituzioni, enti pubblici e organizzazioni no-profit. La laurea magistrale in “Teorie della Comunicazione” forma profili in grado di concepire e coordinare progetti comunicativi di alto profilo nel campo dell’edizione critica dei testi e della museografia contemporanea.

Cooperazione e Relazioni Internazionali
L’ambito disciplinare Cooperazione e Relazioni Internazionali propone due corsi triennali in “Scienze Politiche e Relazioni Internazionali” e in “Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale” (con la Scuola Politecnica) e due corsi magistrali in “Relazioni Internazionali per la Cooperazione e lo Sviluppo” e in “Cooperazione e Sviluppo”. Tali corsi formano di specialisti che opereranno con ruoli di elevata responsabilità in carriere diplomatiche o presso le organizzazioni private nazionali e multinazionali, governative e non, come funzionari e dirigenti di organismi di cooperazione, organizzazioni partitiche, agenzie di valutazione e consulenza, imprese pubbliche e private, organi di informazione.

Psicologia e Formazione
I corsi di studio che si riferiscono alla Psicologia e alla Formazione si occupano, in generale, di formare operatori che prestano la loro attività nei contesti sociali e scolastici. I corsi di studio nell’area della Psicologia forniscono i fondamenti teorici e operativi relativi alla Psicologia generale, sociale e dello sviluppo, alla conoscenza dei meccanismi psicofisiologici alla base del comportamento, alla comprensione delle dinamiche delle relazioni umane e all’uso dei metodi propri della ricerca in psicologia. Il corso di studio in “Scienze della Formazione Primaria” promuove una formazione nell’ambito delle discipline psicopedagogiche, metodologico-didattiche e tecnologiche consentendo l’abilitazione all’insegnamento nella scuola primaria e dell’infanzia. I corsi di studio nell’area dell’Educazione preparano lo studente nell’ambito delle scienze pedagogiche e dei processi formativi fornendo competenze necessarie per operare come educatori, formatori, orientatori o tutor.

Lingue e Letterature Moderne
I corsi di studio che si riferiscono all’ambito delle Lingue e delle Letterature Moderne offrono agli studenti una solida preparazione linguistica e una conoscenza dei contesti culturali e letterari della lingua studiata, raggiunte assieme all’acquisizione dei metodi della linguistica, della filologia e della critica letteraria. I laureati potranno svolgere ruoli professionali in Enti ed associazioni culturali; Pubbliche Amministrazioni; Istituti di Cultura Italiana all'estero; Istituzioni scolastiche pubbliche e private, italiane ed estere; scuole di formazione (una volta completato il processo di abilitazione all'insegnamento e superati i concorsi previsti); Istituzioni culturali ed editoriali di alta specializzazione nell'ambito della germanistica medievale.

Servizio Sociale
I corsi di studio che si riferiscono all’ambito disciplinare del Servizio Sociale mirano alla formazione della figura professionale dell'Assistente sociale, previo superamento dell'Esame di Stato. Hanno lo scopo di formare un operatore professionale capace di leggere criticamente e autonomamente le dinamiche e i processi sociali che caratterizzano il territorio in cui opera e di saper predisporre adeguati interventi in qualità di dipendenti o come liberi professionisti. Essi possono operare presso Aziende Sanitarie Locali, Prefetture, Ministeri, Enti locali, centri di servizi alla persona e riabilitativi, case di riposo, case-famiglia e di accoglienza per le donne maltrattate e immigrati.

Studi Umanistici, Culturali, Filosofici e Storici
L’ambito degli Studi Umanistici, Culturali, Filosofici e Storici offre una formazione di base articolata su discipline letterarie, storiche, filosofiche e geografiche. I vari corsi di laurea forniscono strumenti di conoscenza della civiltà greco-latina e pongono come oggetto privilegiato di studio documenti storici, letterari, artistici a partire dal mondo antico fino alla contemporaneità. I corsi mirano, inoltre, a far acquisire padronanza della varietà dei metodi e degli strumenti per l’aggiornamento e la ricerca in campo filosofico e storico. I laureati potranno accedere a tutte quelle professioni che richiedono competenze letterarie, antropologiche, artistiche, filosofiche, storiche e geografiche e operare nei tradizionali settori umanistici (editoria e giornalismo, direzione del personale, pubbliche relazioni) nella pubblica amministrazione, nei settori dell’industria e dell’imprenditoria.

Sbocchi occupazionali

Lauree
I laureati della Scuola di Scienze Umane e del Patrimonio Culturale potranno svolgere attività presso enti locali, istituzioni e aziende pubbliche e private operanti nei settori dell’editoria e giornalismo, direzione del personale, pubbliche relazioni, nel turismo e in campo archeologico. Potranno accedere alle professioni che richiedono competenze letterarie, linguistiche, antropologiche, artistiche, storiche e geografiche, come operatori linguistici e nel terziario culturale; lavorare come educatori, formatori, psicologi, assistenti sociali, orientatori o tutor nei servizi di formazione professionale e continua e di orientamento; possono diventare liberi professionisti o amministratori e consulenti, capaci di gestire i rapporti e le transazioni comunitarie ed internazionali, presso imprese, organizzazioni e studi privati nazionali e multinazionali. I laureati in alcuni casi possono accedere all’esame di Stato che abilita, per esempio, alla professione di Psicologo e Assistente Sociale.

Lauree magistrali
La laurea magistrale è requisito indispensabile per l'accesso ai Dottorati di Ricerca e ai Master di II livello. Consente di svolgere ruoli professionali e funzioni presso aziende ed enti pubblici, privati e del terzo settore, di accedere alle carriere nell'ambito della docenza scolastica professionale dell'insegnamento secondario, dopo avere completato il processo di abilitazione e i concorsi previsti. Le lauree magistrali della Scuola di Scienze Umane offrono una vasta gamma di collocazioni professionali; dalla cooperazione e sviluppo alle relazioni internazionali, dal mercato della pubblicità all’area del marketing e della comunicazione politica. I laureati in Psicologia Clinica potranno iscriversi, previo tirocinio professionale e superamento dell'esame di Stato, alla sezione A dell'Albo degli Psicologi e accedere al Dottorato di Ricerca, alle Scuole di Specializzazione e ai Master.

offerta formativa

Laurea (durata triennale)
L-1 – Beni Culturali (AG)
L- 5 – Studi Filosofici e Storici
L-10 – Lettere
L-11/L-12 – Lingue e Letterature Moderne e Mediazione Linguistica – Italiano come Lingua Seconda
L-19 – Educazione di Comunità
L-19 – Scienze dell'Educazione
L-20 – Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni
L-20 – Scienze della Comunicazione per le Culture e le Arti
L-24 – Scienze e Tecniche Psicologiche
L-36 – Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali
L-39 – Servizio Sociale (PA-AG)

Laurea Magistrale Ciclo Unico (durata quinquennale)
LM-85/BIS – Scienze della Formazione Primaria

Laurea Magistrale (durata biennale)
LM- 2 – Archeologia (AG)
LM-14 – Filologia Moderna e Italianistica
LM-15 – Scienze dell'Antichità
LM 37 – LM 36 Lingue e Letterature moderne dell'Occidente e dell'Oriente
LM-38 – Lingue Moderne e Traduzione per le Relazioni Internazionali
LM-45 – Musicologia
LM-51 – Psicologia Clinica
LM-51 – Psicologia del ciclo di Vita
LM-51 – Psicologia Sociale, del Lavoro e delle Organizzazioni
LM-52 – International relations / Relazioni Internazionali
LM-57 – Scienze della Formazione Continua
LM-59 – Scienze della Comunicazione Pubblica, d'Impresa e Pubblicità
LM-65 – Teatro, Cinema e Spettacolo Multimediale
LM-78 – Scienze Filosofiche
LM-81 – Cooperazione e Sviluppo
LM-84 – Studi Storici, Antropologici e Geografici
LM-85 – Scienze Pedagogiche
LM-87 – Servizio Sociale e Politiche Sociali
LM-89 – Storia dell'Arte
LM-92 – Teorie della Comunicazione

Scuola delle Scienze di Base e Applicate
img_scuola5

La Scuola è composta dai seguenti Dipartimenti: Scienze e Tecnologie Biologiche, Chimiche e Farmaceutiche; Scienze Agrarie e Forestali; Fisica e Chimica; Matematica e Informatica; Scienze della Terra e del Mare; Biomedicina Sperimentale e Neuroscienze Cliniche, e dalla Scuola di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera.
Alla Scuola afferiscono 30 corsi di studio (12 di laurea, 15 di laurea magistrale, e 3 di laurea magistrale a ciclo unico) offrendo una notevole possibilità di scelta a quegli studenti che vogliano intraprendere studi in ambito scientifico, sia di base, sia di specializzazione tramite le lauree magistrali.
Essa è inoltre la sede idonea dove la comunità scientifica valuta la validità dell’offerta formativa in rapporto alle ricadute in ambito occupazionale, al fine di adeguare tale offerta anche in base alle istanze che pervengono dal territorio. La sua sede istituzionale è sita in Via Archirafi 28, nei locali dell’ex-Facoltà di Scienze.

Il Presidente della Scuola
Valerio Agnesi

Ambiti disclipinari

Ambiente
L’industria dell’Ambiente è un settore in continuo sviluppo e sempre più crescente, da parte di amministrazioni pubbliche e del settore privato, è la domanda di professionisti con una visione sintetica e sistematica dell’ambiente per la gestione di problematiche ambientali. Per venire incontro a questa necessità, le Scienze della Natura e dell’Ambiente e la Geologia offrono un’ampia offerta per chi vuole operare nella gestione e tutela dell’ambiente. Queste discipline basano i loro studi su moderne tecniche analitiche messe a punto dalla Fisica, Chimica, Matematica, Informatica, Biologia e Geologia. Grazie a queste metodologie, i laureati in Scienze della Natura e dell’Ambiente e in Scienze Geologiche conducono raffinate analisi, sia nella ricerca di base sia fornendo modelli per la valutazione dei rischi naturali e per il reperimento e la gestione delle risorse naturali.

Biologia e Biotecnologie
La Biologia e le Biotecnologie, settori in continuo sviluppo, studiano a vario livello, e con differenti aspetti metodologici e tecnologici, gli organismi viventi. Per la loro natura interdisciplinare, possono dare risposte a problematiche attuali negli ambiti medico-sanitario, agricolo, ambientale, farmaceutico, industriale. I corsi di laurea di questo ambito forniscono solide conoscenze di base di matematica, chimica e fisica e una buona padronanza delle metodologie e tecnologie inerenti ai relativi campi di indagine scientifica. Il corso di Scienze Biologiche offre una preparazione adeguata per assimilare i progressi scientifici e tecnologici relativi alle Scienze della vita, mentre il corso di Biotecnologie, articolato nel curriculum agro-alimentare o biomedico, fornisce conoscenze finalizzate all’utilizzazione di funzioni e sistemi biologici per la produzione di beni e servizi.

Matematica e Informatica
La natura del sapere matematico è stabilire le relazioni necessarie, i nessi logici, tra le proprietà degli oggetti. La Matematica usa gli strumenti della logica e sviluppa le proprie conoscenze nel quadro di sistemi ipotetico-deduttivi che, a partire da definizioni rigorose e da assiomi riguardanti proprietà degli oggetti definiti, raggiunge nuove certezze, per mezzo delle dimostrazioni, attorno a proprietà meno intuitive degli oggetti stessi, espresse dai teoremi. L’Informatica è una scienza che riguarda gli aspetti scientifici alla base della progettazione e sviluppo dei sistemi informatici e della trasmissione ed elaborazione delle informazioni.
L’Informatica come scienza (Computer Science) ha radici profonde nella Matematica, ma, al tempo stesso, guarda a numerosi aspetti del mondo reale e di altri ambiti scientifici, cercando soluzioni automatiche tanto a problemi della vita quotidiana quanto a quelli più complessi posti dalle comunità scientifiche.

Scienze Chimiche, Fisiche e Farmaceutiche
Le Scienze Fisiche e Chimiche nascono con l’uomo che s’interroga sull’universo e sull’esistenza. La Chimica e la Fisica sono definite “scienze dure” poiché utilizzano rigorosamente il metodo sperimentale: all'osservazione dei fenomeni segue la formulazione di ipotesi interpretative, la cui validità viene provata tramite esperimenti. La chimica studia la composizione della materia, il suo comportamento e le sue trasformazioni; la fisica studia i fenomeni naturali al fine di stabilire principi e leggi che regolano le interazioni tra grandezze fisiche e rendono conto delle loro reciproche variazioni. Sviluppi delle scienze dure hanno dato origine ad altre discipline come le Scienze Farmaceutiche che riguardano la progettazione, lo sviluppo e l’analisi di farmaci. Tra le varie applicazioni si possono annoverare tecniche diagnostiche, strumentali e analitiche utilizzate in problematiche legate all’ambiente, ai beni culturali e alla loro conservazione, o in ambito forense.

Tecnologie Agrarie
Dalle Produzioni e Tecnologie Agrarie deriva tutto ciò che viene impiegato dal mondo dell’industria agroalimentare, ma anche in ambiti diversi, come quello dell’energia rinnovabile o dell’edilizia sostenibile e della progettazione e gestione territoriale.
La figura professionale che si forma nell’ambito dei corsi di laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie, Scienze Forestali e Ambientali, Viticoltura ed Enologia e Agroingegneria, acquisisce una preparazione interdisciplinare su temi di grande attualità, affrontati con opportuna armonia tra teoria ed esperienza pratica in imprese agroalimentari o in bosco. Tale formazione consente di avere le competenze adeguate per occuparsi della gestione di imprese agroalimentari o forestali, seguendo l’intero percorso di filiera, dalla produzione in campo sino al consumatore.

Sbocchi occupazionali

Lauree
Le opportunità di lavoro dei laureati della Scuola di Scienze di base e applicate sono molteplici e spendibili sia nel pubblico che nel privato. Spaziano dal comparto delle tecnologie agrarie a quelle chimiche, dal fisico al farmaceutico, dal biologico al biotecnologico, e dal matematico all’informatico. Per alcuni laureati triennali è prevista l’iscrizione all’Albo professionale di categoria. Possono, inoltre, proseguire gli studi con Master di I livello, Lauree Magistrali e Corsi di perfezionamento.

Lauree magistrali
I laureati magistrali, forti di una formazione approfondita e specifica, possono lavorare in regime di libera professione o attività di ricerca e professionale in strutture pubbliche e private. In particolare possono svolgere attività di consulenza e progettazione in aziende agricole, aree protette, imprese di trasformazione, laboratori diagnostici e attività commerciali, enti di ricerca in campo biosanitario, attività di certificazione e controllo di sicurezza, conservazione e recupero del patrimonio biologico naturale, dirigenza di strutture specializzate nella produzione agraria, pianificazione ambientale e paesaggistica.
E ancora per il controllo e monitoraggio ambientale, lo sviluppo di nuovi prodotti e processi innovativi in industrie biologiche e/o ambientali: per alcuni tipi di laureati è prevista l’iscrizione all’Albo professionale di categoria. Possono inoltre proseguire gli studi con Master di II livello, Dottorato di Ricerca, Scuole di Specializzazione e corsi di Alta Formazione.

Offerta formativa

Laurea (durata triennale)
L-2 – Biotecnologie
L-13 – Scienze Biologiche
L-25 – Agroingegneria
L-25 – Scienze Forestali e Ambientali
L-25 – Scienze e Tecnologie Agrarie
L-25 – Viticultura ed Enologia (TP)
L-27 – Chimica
L-30 – Scienze Fisiche
L-31 – Informatica
L-32 – Scienze della Natura e dell'Ambiente
L-34 – Scienze Geologiche
L-35 – Matematica

Laurea Magistrale Ciclo Unico (durata quinquennale)
LM-13 – Chimica e Tecnologie Farmaceutiche
LM-13 - Farmacia
LMR-02 – Conservazione e Restauro dei Beni Culturali

Laurea Magistrale (durata biennale)
LM-6 – Biodiversità ed Evoluzione
LM-6 – Biologia Cellulare e Molecolare
LM-6 – Biologia della Salute
LM-6 – Biologia ed Ecologia Vegetale
LM-6 – Biologia Marina
LM-8 – Biotecnologie per l'Industria e per la Ricerca Scientifica
LM-17 – Fisica
LM-18 – Informatica
LM-40 – Matematica
LM-54 – Chimica
LM-60 – Scienze della Natura
LM-73 – Scienze Forestali ed Ambientali
LM-74 – Scienze e Tecnologie Geologiche
LM-75 – Riqualificazione Ambientale e Ingegneria Naturalistica
LM-75 – Analisi e gestione ambientali